Swiftwater Rescue Technician Advanced ( SRTA)

Tecnico avanzato di soccorso in acque mosse

dsc_7827Tipo di corso: per tecnici di alta preparazione nel soccorso fluviale e alluvionale;

Pre-requisiti: essere maggiorenne in stato di buona salute, saper nuotare bene e con una discreta preparazione atletica. Essere in possesso del brevetto Rescue 3 SRT-1.

Obiettivi del corso

Il corsoAdvanced Swiftwater Rescue Technician , (SRTA) dura approssimativamente dalle 24 alle 30 ore totali di cui 4-6 ore in aula e da 20 a 24 ore di esercitazione.

Normalmente il corso è organizzato in tre giorni con inclusa la seconda notte in cui eseguire la risoluzione di uno scenario di soccorso notturno. Il programma può tuttavia variare in alcuni casi se abbinato ad altri programmi formativi.

Il corso risponde in pieno allo standard Nord Americano NFPA (National Fire Protection Association) 1670 e 1006 ma per essere tale deve essere abbinato ad un programma formativo di due giorni per le tecniche di soccorso in sospensione, Tecnici di Soccorso Fluviale su Corda, (TRR, Technical Rope Rescue) svolta da una Guida Alpina dell’AGAI, (Associazione Guide Alpine Italiane), gli unici abilitati per Legge a questa tipologia di corsi. Il Centro di Soccorso Fluviale e Alluvionale le Marmore organizza questi corsi in abbinamento al corso SRT-1 o al SRTA.

Obiettivi Generali

  1. Espandere l’esperienza degli studenti che hanno ottenuto il brevetto Swiftwater Rescue Technician Unit 1in un’area avanzata con maggiori capacità e competenze in situazioni difficili;
  2. Preparare gli studenti in modo che siano in grado di impostare un piano operativo efficiente con le risorse a loro disponibili;
  3. Preparare gli studenti a svolgere un ruolo multi disciplinato all’interno del team in uno scenario di soccorso in larga scala e con acqua in movimento;
  4. Definire uno standard all’interno della struttura della squadra e al tipo di risposta da dare a problemi in acqua mossa, incluse operazioni di ricerca, senza tener conto di dove possono verificarsi.

Obiettivi specifici

Alla fine del corso lo studente sarà in grado:

  1. di manovrare una cima e un palo con rampino sia da riva, in un fiume stretto, che in un fiume impetuoso di V o VI grado tramite l’uso di corde attraversanti;
  2. di stabilire con competenza se una particolare rapida o scenario è praticabile per un soccorso in acqua;
  3. di condurre in modo efficiente una ricerca di base in un fiume;
  4. di capire come e dove usare i diversi sistemi di soccorso con corde sia per la ricerca in un fiume di II e III grado, che in circostanze più impegnative quali fiumi dal IV al VI grado con grandi ritorni ( “hydraulics”) e cascate;
  5. di trattare a dovere un paziente traumatizzato dal momento dell’estrinsecazione al posizionamento in una barella e alla sua mobilizzazione con linee di corda di sicurezza per portarlo in salvo anche con recuperi e sistemi di corda complessi.
  6. di organizzare e dirigere una ricerca notturna o in condizioni di scarsa visibilità nel fiume;
  7. di valutare e gestire un soccorso in acque di IV° di difficoltà mediante tecniche che non siano basate sull’uso di barche o nuoto di soccorso.
  8. di organizzare la gestione di base di un evento alluvionale;
  9. di conoscere quali organizzazioni e con quale attrezzatura sono a disposizione nella propria regione d’intervento.

img_0490Materiali forniti

Ogni partecipante riceverà il manuale del corso, un foglio con l’elenco delle abilità acquisite e un fischietto. Alla conclusione con successo del corso il partecipante accreditato riceveràil certificato del corso, un distintivo di Swiftwater Rescue Technician e la relativacarta d’identificazione.

La Scuoladi formazione le Marmore fornirà tutto l’equipaggiamento di gruppo per lo svolgimento del corso.

Equipaggiamento degli studenti

Ogni studente deve avere a disposizione:

1.una salopette di neoprene da 3 o 5 mm tipo con giacca d’acqua in tessuto gommato o in neoprene. In alternativa si può utilizzare una muta stagna;

2.un paio di stivaletti in neoprene a suola semrigida. In alternativa si possono usare delle scarpe da ginnastica a suola scolpita o da trekking leggere da abbinare con dei calzari di neoprene;

3.un casco omologato per uso fluviale e con cinturino sottogola a sgancio rapido;

4.un aiuto al galleggiamento (salvagente) omologato CE EN 393 di taglia idonea dotato di imbraco addominale a sgancio rapido con dissipatore di tensione

5.un coltello in acciaio inox anche a serramanico, di dimensioni consentite dalla legislazione vigente, fissato al salvagente o custodito in una tasca dello stesso tale da non costituire un pericolo;

Requisiti per gli studenti

In aggiunta all’equipaggiamento sopra elencato ogni studente dovrà avere adeguato abbigliamento tecnico quali maglie in polipropilene e indumenti idonei anche in funzione della stagione in cui il corso si svolge.

dsc_7993Visto il gravoso impegno fisico nel corso delle esercitazioni è importante avere a portata di mano degli snacks e delle bevande a base di carboidrati e integratori idrosalini.

Al termine del corso l’istruttore esprimerà una valutazione finale sulle capacità acquisite dagli studenti e l’esito del test a risposte multiple. Se durante le esercitazioni uno studente dovesse avere delle controindicazioni personali ad eseguire alcune manovre deve farlo presente all’istruttore che modificherà il suo addestramento mettendolo a proprio agio. Rescue 3 infatti conoide la prudenza una delle qualità essenziali di un bravo soccorritore.

Programma del corso

Primo giorno

Registrazione 08,00

Introduzione/ raccomandazioni iniziali 08,20

La filosofia didattica del salvamento 08,40

Gli assiomi del soccorso fluviale e alluvionale 08,50

Sguardo d’insieme del corso 09,00

NFPA e altri standard 09,20

Pre-piano e gestione degli incidenti 09,40

Pausa 10,00

Valutazione in caso di soccorso fluviale e alluvionale 10,20

Equipaggiamento avanzato attualmente disponibile 10,40

Ricerca nel fiume e in area alluvionata 11,20

Pranzo 12,00

Problemi e capacità avanzate nel soccorso fluviale 13,00

Pausa 15,00

Ripasso tecniche SRT1 15,20

Secondo giorno

Sistemi avanzati di ancoraggio 08,00

Passaggio del nodo 08,45

Assicurazione 09,00

Discesa di base 09,40

Pausa 10,20

Risalita di base 10,40

Assicurazione e posizionamento di un infortunato 11,20

Pranzo 12,00

Gestione di una barella 13,00

Tyrolean & Telfer con simulazione d’intervento 13,40

Pausa ( Cena) 19,00

Ricerca notturna

Terzo giorno

Valutazione della ricerca notturna effettuata 08,00

Sistemi di calata e di sollevamento 09.00

Pausa 10,00

Sistemi di calata e di sollevamento (continua) 10,20

Pranzo 12,00

Sistemi complessi con corde 13,00

Pausa 14,20

Telfer 14,40

Revisione, esame e compilazione documenti 16,00